LA CHIAVE DELLA RICCHEZZA NON È CHIARAMENTE DOVE L’HAI SEMPRE CERCATA

Questa estate dovremmo tornare alla normalità. Cosa succederà questo inverno, purtroppo ancora non è chiaro. Ma qualunque cosa accadrà non è realmente importante per te.

Quello che per te è importante è solo ciò che dipende da te, quello che non dipende da te non ha mai nessun valore.

E non è una fottuta frase da bacio perugina, è la fottuta realtà che, come imprenditore, devi accettare.

Essere un imprenditore significa prendere in mano la propria vita e trasformarla in ciò che si vuole. Significa avere il potere di realizzare i propri progetti. E avere potere significa dare direzione a ciò che succede: e puoi dare direzione solo a ciò che dipende da te.

E ti assicuro che basta e avanza. Ma devi farlo, perché se passi il tempo a lamentarti di ciò che non dipende da te, automaticamente non dedichi il tuo tempo e le tue energie a ciò che dipende da te.

E cosa dipende da te quando parliamo di business?

Da te dipende il cazzo di business model con cui fai funzionare la tua azienda. E il tuo business model è una merda col botto.

A buon conto, so per certo che non hai neanche chiaro cosa sia un business model.

E, visto che il successo di un’azienda dipende solo ed esclusivamente (ripeto: solo ed esclusivamente) dal business model che viene realizzato, ecco che immediatamente abbiamo un vincitore: sei tu che stai continuando a stare dal lato sbagliato del cazzo!

Tutto quello che è successo non c’entra con la tua crisi, come non c’entra con la tua ripartenza.

Puoi scegliere: continuare a giustificarti e incolpare il mondo brutto e cattivo oppure accettare una volta per tutte che devi cambiare totalmente ciò che fai e iniziare a lavorare da imprenditore: cioè iniziare a lavorare con l’intenzione di diventare ricco e non di tirare a campare. Devi iniziare realmente e letteralmente a fare l’opposto di quello che hai sempre fatto e continui a fare!

L’altro giorno mi ha scritto un mio studente che ha iniziato a seguirmi neanche 1 anno fa: a maggio ha fatto 4500€ di utili con il suo bar sperduto in un paesino sconosciuto della Toscana. Quando dico 4500€ di utile intendo utile: cioè lui si è già pagato lo stipendio perché ancora ci lavora dentro.

E perché ti faccio l’esempio di un bar sperduto? Perché 4500€ di utile possono non sembrare tantissimi (anche se so che hai già la bava alla bocca) ma sono un enormità che nessuno ha mai visto in Italia quando consideri che l’incasso totale è stato di 20900€. Il tutto fatto regolarmente, senza dipendenti in nero e fatturando tutto.

Com’è possibile? Semplice: un passo alla volta gli sto stravolgendo il business model e lui, in pochi mesi, da che voleva chiudere quando è arrivata la pandemia dopo 10 anni di stress, lacrime e sangue, ora è felicissimo perché non è mai andato così bene ed è entusiasta del progetto che stiamo sviluppando.

Stesso anno che hai fatto tu, stesse restrizioni: risultati opposti! Come cazzo è? Tu ti lamenti e al massimo ti fai il culo nel continuare a fare quello che hai sempre fatto e lui semplicemente fa il cazzo che gli dico.

Quindi, se vuoi iniziare a trasformare la merda (quello che hai ora) in oro (il cazzo che ti dico io), devi occuparti immediatamente di fare queste 3 cose ogni giorno:

1 – VENDERE

Un business ha un solo scopo: generare profitto. Qualsiasi altro scopo che si vuole dare a un business è una stronzata socialista che rende schiavo chi ci lavora e infelice il cliente.

Devi vendere! Devi metterti lì e incentivare i tuoi clienti a comprare. Devi proporgli upsell e crossell in continuazione. Non puoi continuare a ragionare da artigiano di stocazzo che aspetta come un cazzo moscio che qualcuno gli chieda di tirarsi su! Devi essere proattivo! 

Devi formare il tuo staff per fargli proporre quello che vendi e farglielo vendere. Devi creare un piccolo sistema di incentivi per il tuo staff: più vendono più guadagnano. 

Non è il cliente che deve comprare, sei tu che gli devi vendere. Perché, si spera, quello che vendi è utile per il tuo cliente ma lui non lo sa!

L’altro giorno in aperitivo ordino dei taglieri per il tavolo. Ce li portano e gli chiediamo: ma non c’è del pane? Risposta: “c’è la focaccia, se vuole gliela faccio preparare!” Ma sarai coglione? Ma te lo devo chiedere io o me la devi vendere tu prima ancora che mi viene in mente?!

Devi vendere: se non vendi non puoi incassare. Più semplice di così, si fallisce.

2 – FARE PROFITTO

Non devi fare incassi, devi fare profitti! Del tuo incasso non me ne frega un cazzo! Incassi 50k al mese e ci vai sotto? L’insignificante baretto della Toscana che fa 4500 di utile con 20k di incasso ti ha rotto il culo! 

Non è importante quanto incassi, è importante quanto ti rimane. E dipende da te, cioè dal tuo cazzo di business model. 

Lo so che la tua risposta automatica è: “eh ma nella mia situazione io per fare 4500 di utile devo incassare molto di più! Quindi devo aumentare gli incassi!”

Non ci conosciamo ma te lo dico col cuore: già mi stai sul cazzo! 

Grazie al cazzo che devi incassare molto di più di quanto incassi ora che sei in perdita ma porca puttana il problema non è l’incasso ma il business model di merda che hai.

Se continui ad andare avanti con il business model di merda che hai (e che ovviamente hai tirato su totalmente inconsapevole semplicemente copiando quello che hai visto e vedi fare dai tuoi concorrenti: ma se i tuoi concorrenti sono sfigati e poveri in canna che cazzo vuoi copiare da loro? La povertà?!), se continui ad andare avanti con il business model di merda che hai è chiaro che devi incassare molto di più.

Ma il tuo problema non è incassare di più, è cambiare il business model. E devi farlo iniziando a vedere quali sono i tuoi margini reali e creando una struttura dell’offerta in cui hai 

  1. prodotto di front end per attirare nuovi clienti e farti provare;
  2. prodotto principale che vendi con margine;
  3. prodotto di back end che, al momento, va benissimo essere tutti gli upsell e i crossell che prepari in modo strategico a tavolino e poi fai vendere dai tuoi camerieri, dai tuoi banchisti, dai tuoi cassieri, dai tuoi menu, dal cazzo che te se frega!

3 – DEVI ESSERE DISPOSTO A MORIRE PUR DI CREARE LA LISTA CLIENTI

Sei povero perché credi che la ricchezza è nel reddito. E così lavori e se a fine mese sei riuscito a pagare tutto e ti avanzano 2 spicci te li metti in tasca e sei contento. E così sei contento per 5 minuti e povero e infelice per il resto della vita.

La ricchezza non è nel reddito ma nel patrimonio. E il tuo patrimonio sono i clienti.

Sono i clienti che hanno i soldi. È a loro che devi vendere. E sono loro a portarti profitto se tu, risolvendo un problema per loro importante, porti profitto nella loro vita.

Devi smetterla di credere che tu vendi un prodotto del cazzo. Nessuno compra prodotti: tutti, tu compreso, compri risultati e i prodotti o i servizi che acquisti sono un mezzo.

Devi risolvere un cazzo di problema sentito da chi ti sta intorno e che nessuno sta risolvendo in modo unico e straordinario: è così che verranno da te e ti pagheranno tutto quello che vuoi, perché sarai l’unico e potranno comprare solo da te questa soluzione.

Il patrimonio è la tua lista clienti ed, è in assoluto, la cosa più importante che devi fare ogni cazzo di giorno della tua vita.

Se non hai una lista clienti, non hai potere di vendere. Se non hai potere di vendere, non puoi creare un business model che genera profitto.

Ora, se ci segui da un po’, potresti pensare: “ma mi pare che Luca dice sempre le stesse cose!”

Bravo stronzo: sì, io dico sempre le stesse cose e sai perché?! Perché tu continui a fare sempre le solite stronzate e continui a lamentarti di essere povero. E mi hai rotto il cazzo! Vorrei dirti molto di più ma non posso perché devo prima fare queste 3 cazzo di cose! Altrimenti manco mi capisci.

Se vuoi diventare ricco, devi fare le azioni che generano ricchezza. Non c’è bisogno che tu ci credi o che le capisci, ti basta farle! È fisica: anche se credi forte, forte che tirando un sasso in acqua galleggia, tu lo tiri e affonda! Alla realtà non frega un cazzo di quello che credi tu. 

Fai il cazzo che ti dico e immediatamente inizierai a trasformare i tuoi fallimenti in successi. 

Oppure vai a morire al fronte: almeno smetti di rompermi il cazzo con le tue lamentele e le tue giustificazioni del perché tu sei diverso e non puoi fare quello che dico io. Ma diverso da chi che fai esattamente le stronzate che fanno tutte le persone che hai intorno.

Fammi il cazzo di piacere: sii realmente diverso e fai il cazzo che ti dico, clicca sul pulsante e arruolati nell’esercito di BAR WARS se non l’hai già fatto prima!

Luca Malizia

Generale di BAR WARS

PS. Se vuoi saperne di più su come sviluppare o creare da zero una lista clienti online, sfruttando tutte quelle tecnologie di cui accennavo che ti consentono di raggiungere tantissimi clienti in un nano secondo anche per gli ordini a domicilio senza passare per le app aggregative come Just Eat, allora CLICCA QUI

Lascia un commento